Categorie
Emergenza Ucraina

ALTRI AIUTI

Trasporti gratuiti
Le persone che provengono dall’Ucraina ed entrano in Italia hanno diritto a viaggiare gratuitamente per raggiungere il primo luogo di destinazione o accoglienza entro 5 giorni dal loro ingresso, sulla rete ferroviaria, autostrade e sui servizi marittimi.

Per utilizzare gratuitamente tutti i mezzi del trasporto pubblico nel Lazio (bus, metro, treni regionali) è sufficiente esibire il tesserino regionale individuale STP/ENI.

Pedaggio autostradale
Per usufruire del beneficio si deve esibire al casello con operatore un documento che attesta la cittadinanza ucraina, comunicare la data di ingresso sul territorio italiano e consegnare l’apposito modello di autocertificazione compilato. Nessuna agevolazione può essere applicata se il transito avviene su varchi Telepass.

Beni di prima necessità a Roma
Per avere beni di prima necessità, per accedere a servizi di accoglienza e inclusione come orientamento legale e scolastico, tutela dei minori, inserimento nei centri per l’immigrazione, si può contattare il numero verde 800 93 88 73 attivo tutti i giorni dalle 8:00 alle 20:00 oppure scrivere a:

emergenza.ucraina@comune.roma.it

Il numero verde è disponibile anche per dare informazioni sulle offerte e le donazioni che si vogliono elargire alla Comunità Ucraina, e per segnalare eventuali disponibilità di accoglienza.

Per le chiamate da numeri esteri oppure oltre gli orari indicati, si può contattare la Sala Operativa della Protezione Civile di Roma Capitale, attiva h 24/7 ai numeri 800 854 854 ,  +39 06 6710 9200 o si può scrivere a: soprotezionecivile@comune.roma.it

Emersione 2020 e cittadinanza
L’ispettorato Nazionale del Lavoro ha emanato la circolare del’8 marzo 2022 n.1521 indirizzata agli Ispettorati territoriali, con la quale raccomanda di assicurare priorità alle pratiche di emersione dei rapporti di lavoro riferite a cittadini di nazionalità ucraina.

Il DPCM 28 marzo 2022 ha stabilito che i cittadini ucraini che hanno presentato domanda di emersione, e per i quali il relativo procedimento è ancora in corso, è consentito uscire e fare rientro in Ucraina ai fini di prestare soccorso ai famigliari.

I cittadini ucraini che hanno presentato istanza dopo il 24 febbraio 2022 per l’acquisto o la concessione della cittadinanza italiana, sono esonerati dall’esibizione dell’atto di nascita e del certificato penale ucraini fino alla cessazione dello stato di emergenza.

Polizze temporanee gratuite per le auto dei profughi dall’Ucraina
Sono previste POLIZZE DI FRONTIERA per chi fugge dalla guerra in Ucraina e arriva con la propria auto in Italia: le imprese assicuratrici si fanno carico del costo dei premi.

Le polizze di frontiera consentono di circolare per un periodo di 30 giorni sul territorio italiano con veicolo immatricolato in un Paese extra UE. La copertura gratuita per le auto con targa ucraina sarà rilasciata su richiesta del soggetto interessato che dovrà dichiarare, tramite un’autocertificazione bilingue, di essere autorizzato a utilizzare il veicolo qualora questo risulti intestato a una persona diversa o a un soggetto giuridico.

Per ottenere la polizza di frontiera occorre inviare la richiesta all’indirizzo e-mail: polizzefrontiera@ucimi.it

Categorie
Emergenza Ucraina

ISTRUZIONE

I minori stranieri in età compresa tra 6 e 16 anni presenti sul territorio italiano sono soggetti all’obbligo scolastico e quindi hanno diritto all‘istruzione, ai servizi educativi e alla partecipazione alle attività scolastiche. Si può iscrivere i bambini ucraini a scuola in qualunque momento dell’anno. Tutti i bambini hanno diritto a frequentare la scuola in Italia anche se non sono in regola con le norme di soggiorno.

FAQ Scuola di Roma Capitale-Dipartimento Scuola, Lavoro e Formazione professionale di Roma Capitale: https://emergenzaucraina.roma.it/faq-scuola

Categorie
Emergenza Ucraina

CONTRIBUTI ECONOMICI

Contributo di sostentamento

Il Governo ha deciso di prorogare FINO AL 3 MARZO 2023 il CONTRIBUTO DI SOSTENTAMENTO ai profughi ucraini che hanno richiesto il permesso di soggiorno per protezione temporanea successivamente al 30 settembre 2022, hanno una sistemazione autonoma, anche presso parenti o famiglie ospitanti, per almeno dieci giorni nell’arco di un mese.

NON può avere il contributo chi alloggia presso strutture messe a disposizione dallo Stato, come i CAS, Centri di assistenza straordinaria e le SAI, Sistema Accoglienza Integrazione.

Il contributo di sostentamento è un sostegno economico per massimo 3 mesi, pari a:

  • 300 euro al mese per adulti
  • 150 euro per i minori

Per avere il contributo deve essere stata presentata la domanda di protezione temporanea presso la Questura-Ufficio immigrazione dove viene assegnato il codice fiscale necessario per la compilazione della domanda.

La domanda per il contributo va presentata attraverso la piattaforma dedicata sul sito www.protezionecivile.gov.it

 

Contributo CASSACOLF

Molte persone ucraine che lavorano in Italia stanno ospitando familiari in fuga dalla guerra.

Per chi lavora come colf, badante o assistente famigliare, CASSACOLF ha previsto un ulteriore contributo di 300 euro per spese sostenute. Possono richiederlo tutti i lavoratori del settore domestico di nazionalità ucraina iscritti a CASSACOLF con almeno 2 trimestri di contributi versati, che stanno ospitando famigliari entro il terzo grado di parentela o secondo grado di affinità, presentando la domanda tramite e-mail entro il 1° maggio 2023 a questo indirizzo: ucraina@cassacolf.it oppure telefonando al numero verde 800 1000 26.

Per ulteriori informazioni: https://www.cassacolf.it/files/allegati/Regolamento%20Ucraina.pdf

Categorie
Emergenza Ucraina

ASSISTENZA SANITARIA

1) ALL’ARRIVO IN ITALIA

Per accedere all’assistenza sanitaria del Servizio Sanitario Nazionale italiano bisogna avere un codice STP-Straniero temporaneamente presente che permette di usufruire delle cure urgenti ed essenziali (accesso al Pronto soccorso, vaccinazioni, prescrizione di esami clinici. visite specialistiche e famaci).

Tutte le informazioni principali si trovano al seguente link della Regione Lazio: LINK

Il codice STP che ha validità 6 mesi ed è rinnovabile può essere rilasciato da diversi enti: ASL, aziende ospedaliere, policlinici universitari.

Qui di seguito un elenco aggiornato degli sportelli per il rilascio STP/ENI:

www.salutelazio.it/informazioni-per-stranieri-rilascio-stp-eni

2) DOPO RICHIESTA DI PERMESSO DI SOGGIORNO PER LA PROTEZIONE TEMPORANEA

Dal momento della presentazione della relativa domanda di permesso di soggiorno, i profughi ucraini destinatari delle misure di protezione temporanea hanno accesso all’assistenza sanitaria da parte degli enti del Servizio sanitario nazionale italiano in regime di esenzione alla partecipazione alla spesa sanitaria, se non svolgono alcuna attività lavorativa.

L’esenzione verrà rilasciata al richiedente al momento dell’attribuzione del medico di medicina generale e/o del pediatra di libera scelta ed ha durata dal 4 marzo al 24 Maggio 2023.   

La richiesta di permesso di soggiorno per protezione temporanea garantisce l’assistenza sanitaria sul territorio nazionale, a parità di trattamento rispetto ai cittadini italiani, attraverso l’iscrizione nelle Asl.

Categorie
Emergenza Ucraina

OSPITALITA’ E ALLOGGIO

OSPITI DI AMICI/PARENTI

Chi viene ospitato da parenti o amici, entro 48 ore, deve recarsi munito di un documento di identità al Commissariato di Zona, accompagnati da una delle persone ospitanti, per effettuare la Dichiarazione di Presenza e di Ospitalità.

Chi alloggia presso alberghi o altre strutture ricettive è assolto da questo dovere perché sono le strutture ricettive a dover fornire alle Autorità competenti tutte le informazioni necessarie.

ALLOGGIO TEMPORANEO

Si può essere accolti temporaneamente da strutture messe a disposizione dalla Agenzia Regionale di Protezione Civile del Lazio.

Per aver accesso al servizio di prima accoglienza rivolto ai cittadini ucraini, bisogna chiamare il numero verde 803555 (attivo h/24) oppure +390699509292 (per chiamate dall’estero) dove rispondono anche operatori in lingua ucraina.

Oppure scarica e compila il modulo dal sito www.protezionecivile.regione.lazio.it

ACCOGLIENZA IN FAMIGLIA

A Roma è stato istituito l’Albo delle Famiglie accoglienti. Grazie ad un accordo tra l’assessorato alle politiche sociali della Capitale e Refugees Welcome Italia, chi vuole ospitare profughi ucraina può farlo dandone comunicazione. Le richieste, formalizzate attraverso la compilazione di un format, saranno valutate attraverso colloqui e sopralluoghi presso abitazioni.

Si può richiedere e offrire ospitalità per i profughi ucraini direttamente a questo link:
https://refugees-welcome.it/albo-delle-famiglie-accoglienti-di-roma

Categorie
Emergenza Ucraina

CHIEDERE IL PERMESSO DI SOGGIORNO TEMPORANEO

A partire dalla data del timbro in entrata alla frontiera Spazio Schengen, si può soggiornare liberamente per 90 giorni sul territorio italiano. Dopo 90 giorni, si deve richiedere il permesso di soggiorno temporaneo che è valido un anno e rinnovabile.

Il PERMESSO DI SOGGIORNO TEMPORANEO viene rilasciato dalla QUESTURA/UFFICIO IMMIGRAZIONE

Se si decide di restare, prima della scadenza di 90 giorni dalla data di entrata in area Schengen, bisogna fare richiesta di permesso di soggiorno presso l’Ufficio Immigrazione della Questura di Roma, che si trova a via Teofilo Patini 23, dove c’è lo sportello riservato ai profughi ucraini.

L’Ufficio Immigrazione della Questura di Roma è contattabile ai seguenti numeri di telefono:

+390646863911, +39 0646864100, +390646865050 (dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 20.00, il sabato dalle 8.00 alle 14.00)

Il Permesso di soggiorno temporaneo è valido 1 anno e prorogabile per un altro anno, consente di fare l’iscrizione al Sistema Sanitario Nazionale, l’accesso al lavoro, allo studio, alle misure assistenziali e di accoglienza.

Il cittadino ucraino privo di passaporto deve rivolgersi al Consolato Ucraino per:

  • Il rilascio dei certificati provvisori d’identità
  • Il prolungamento del passaporto
  • L’inserimento dei dati dei figli minori di 16 anni nei passaporti dei genitori in fuga dalla guerra e residente in Italia.

Il Consolato Ucraino a Roma si trova in via Monte Pramaggiore 13, e risponde al telefono +390682003641